Su progetu Coru sardu at a essi a disponimentu de totu s’ispidali

Su progetu Coru sardu est intrendi in relata fintzas cun is àterus repartus de s’ispidali, ponendi-sì a disponimentu po apariciai fainas impari e cumpartziri sa tarea de su progetu.

Continua la lettura

Data:
17 Gennaio, 2023

Su progetu Coru sardu, nàsciu in su repartu de Cardiologia de s’Ispidali Nosta Sennora de Bonària de Santu ‘Èngiu e finanztiau de sa Regioni Sardìnnia cun is Leis 482/1999 e 22/2018 chi amparant e promovint s’impreu de su sardu in dònnia setori de sa sotziedadi, est intrendi in relata fintzas cun is àterus repartus de s’ispidali, ponendi-sì a disponimentu po apariciai fainas impari e cumpartziri sa tarea de su progetu. Po custa arrexoni in is diis passadas su primàriu de Cardiologia Gianfranco Delogu, at cuncordau un’atòbiu cun su Diretori Sanitàriu Sergio Pili, cun is dotoris Derrick Clifford Mc Gillard e Maria Paola Basciu de sa Diretzioni Sanitària, e cun is responsabilis de is àterus repartus, is dotoris Mariano Usai po su repartu de Medicina Generali, Antonio Campiglio po su repartu de Ginecologia, Antonio Melis po su Laboratòriu Anàlisi, Carolina Botta po su repartu de Anatomia Patològica, Maria Chiara Cadoni po su repartu de Nefrologia, Giovanna Cabizzosu po su repartu de Anestesia e Rianimatzioni, Francesca Ibba po su Servìtziu Professionis Sanitàrias, Isabella Atzeni po su Tzentru Trasfusionali. Totu is presentis ant ammostau apretziamentu po su progetu pedendi chi fintzas su personali insoru potzat liai parti a is cursus de formatzioni e chi is bortaduras in sardu potzant pertocai àteras patologias puru in prus de cussas de su coru, po favoressi un’impreu cumpartziu de su sardu in ispidali e no lassai chi siat una cosa chi incapitat sceti fatu-fatu. Su podi fueddai in sardu in calisisiat logu est unu deretu de is tzitadinus stabiliu de is Leis de amparu de is Lìnguas de minoria e duncas custu progetu punnat a assegurai s’arrispetu de custu deretu, pruschetotu po is malàdius.

Su portalitu linguìsticu at a sighiri a essi in fainamentu po su pùblicu su lunis a mangianu, ma po lassai logu a su Tzentru po is esàminis incingiau su 16 de gennàrgiu, no dd’eis a agatai prus acanta a s’Ufìtziu ticket ma a s’intrada de su de tres pianus, acanta a su repartu de Cardiologia e Medicina generali.

 

Il progetto Coru sardu avvia una collaborazione con tutto l’ospedale

Il progetto Coru Sardu, nato nel reparto di Cardiologia dell’Ospedale Nostra Signora di Bonaria di San Gavino Monreale e finanziato dalla Regione Sardegna con le Leggi 482/1999 e 22/2018 che tutelano e promuovono l’utilizzo del sardo in ogni settore della società, sta avviando un rapporto di collaborazione con gli altri reparti dell’ospedale, mettendosi a disposizione per predisporre insieme delle attività e per condividere gli obiettivi del progetto. Per questo motivo nei giorni scorsi il primario di Cardiologia Gianfranco Delogu ha organizzato un incontro con il Direttore Sanitario Sergio Pili, i dottori Derrick Clifford Mc Gillard e Maria Paola Basciu della Direzione Sanitaria, e con tutti i responsabili degli altri reparti, i dottori Mariano Usai per il reparto di Medicina Generale, Antonio Campiglio per il reparto di Ginecologia, Antonio Melis per il Laboratorio Analisi, Carolina Botta per il reparto di Anatomia Patologica, Maria Chiara Cadoni per il reparto di Nefrologia, Giovanna Cabizzosu per il reparto di Anestesia e Rianimazione, Francesca Ibba per il Servizio Professioni Sanitaria, Isabella Atzeni per il Centro Trasfusionale. Tutti i presenti hanno mostrato interesse per il progetto chiedendo che il personale del proprio reparto possa partecipare ai corsi di formazione e che le traduzioni in sardo possano riguardare anche altre patologie, oltre a quelle cardiache, così da favorire un utilizzo condiviso del sardo in ospedale e non lasciare che ciò avvenga saltuariamente. Potersi esprimere in sardo in qualsiasi luogo è un diritto dei cittadini stabilito dalla Legge per la tutela delle Lingue Minoritarie e questo progetto mira a garantire il rispetto di questo diritto, soprattutto per i malati.

Lo sportello linguistico proseguirà la sua attività rivolta al pubblico il lunedì mattina ma per lasciare spazio al Centro esami, attivato il 16 gennaio, non si troverà più accanto all’Ufficio ticket ma nell’atrio del terzo piano, vicino ai reparti di Cardiologia e Medicina Generale.

 

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

17 Gennaio, 2023