Donazioni di sangue, l’emometro del 30 dicembre

Un cuore che pulsa al ritmo delle donazioni di sangue e che cambia colore a seconda del livello di raccolta raggiunto. E’ il Progetto Emometro, l’indicatore bisettimanale ideato per seguire l’andamento delle donazioni del sangue sul territorio.

Continua la lettura

Data:
30 Dicembre, 2022

Un cuore che pulsa al ritmo delle donazioni di sangue e che cambia colore a seconda del livello di raccolta raggiunto. E’ il Progetto Emometro, l’indicatore bisettimanale ideato per seguire l’andamento delle donazioni del sangue sul territorio, che nasce dall’iniziativa della Consulta Giovani Avis Medio Campidano grazie alla collaborazione e al sostegno operativo della Asl n. 6 del Medio Campidano.

Importante la sinergia con il Centro Trasfusionale del P.O. di San Gavino Monreale che invierà alla Consulta Giovani Avis Medio Campidano un report numerico sulle donazioni. Un report che prenderà forma e colore grazie alla infografica che verrà realizzata ogni 15 giorni dalla Consulta Giovani Avis Medio Campidano, verrà pubblicata e viaggerà sui canali social, Facebook e stories di Instagram. L’immagine riporterà il livello di disponibilità delle unità di sangue, suddivise per gruppo sanguigno, segnalando per ciascuno se ha raggiunto il livello di disponibilità di eccedenza o di carenza. Il livello di ogni gruppo sanguigno sarà segnalato da una barra colorata e dal numero di unità di sangue disponibili in maniera da consentire la percezione immediata della necessità, anche solo visivamente.

Alcune indicazioni per leggere bene l’infografica:
– le varie colonne indicano il livello di disponibilità dei vari gruppi sanguigni, indicati nella riga in basso;
– per facilitare la lettura, in base al livello di disponibilità ogni barra è colorata di un colore diverso, che può variare tra
🟢 ECCEDENTE
🟡 STABILE
🟠 CARENTE
🔴 URGENTE

I dati aggiornati a venerdì 30 dicembre indicano il seguente livello delle scorte dei vari gruppi sanguigni:

STABILE 🟡 : A+, A-, B+, AB+, AB-, 0+
CARENTE 🟠 : B-, 0-

Il progetto punta a monitorare il flusso delle donazioni, grazie a report periodici riguardanti la disponibilità delle unità di sangue, con una serie di obiettivi precisi: sensibilizzare alla donazione e alla diffusione della cultura del dono; informare e rendere consapevoli le associazioni di donatori e la popolazione del Medio Campidano sullo stato di salute del nostro sistema trasfusionale; comunicare l’andamento delle donazioni presso il Centro Trasfusionale; evitare periodi di sovraffollamento nel Centro Trasfusionale consentendo ai donatori un’organizzazione autonoma del momento della donazione; consentire alle Avis Comunali del territorio provinciale una convocazione mirata dei donatori; evitare periodi di carenza di unità di sangue così da ridurre al minimo gli appelli straordinari ed emergenziali.

“Un progetto giovane e fresco ma di grande utilità, importante per il nostro territorio dove la carenza di sangue si fa sentire soprattutto in estate, quando raggiunge il livello preoccupante di emergenza”, afferma Giorgio Carboni, direttore della Asl n. 6 del Medio Campidano. “Ringraziamo la Consulta Giovani Avis Medio Campidano per averci coinvolto in prima persona in questa iniziativa che, viaggiando sui social, permette di informare e sensibilizzare anche le fasce di popolazione che di solito sono poco informati su questa situazione. Sposare progetti come questo è importante perché bisogna essere uniti per fronteggiare in prima linea il problema della carenza del sangue”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

30 Dicembre, 2022